La foto mostra la facciata del “nostro”“vostro” Duomo “ferita e fasciata”; ferita dalle intemperie di cento anni (è stata ultimata nel 1913) e fasciata- protetta per evitare che ulteriori stacchi di intonaco possano ferire o, peggio ancora, uccidere qualche passante.

Il ponteggio per la messa in sicurezza e per consentire i lavori di consolidamento e restauro è stata montato completamente. I lavori inizieranno dopo l’approvazione della Soprintendenza.

Duomo di Cittadella Ferito e fasciatoIl costo previsto (tra montaggio, noleggio mensile e smontaggio della impalcatura + i lavori di consolidamento e restauro delle statue, degli altorilievi ecc. ) supera i 700.000 (settecentomila) euro, IVA esclusa.

Ci auguriamo che non solo gli abitanti della Parrocchia ma tutti coloro che frequentano il nostro Duomo siano particolarmente sensibili alla “loro” Chiesa.

Ne abbiamo ASSOLUTO BISOGNO. Le offerte poste nelle cassette alle porte del Duomo andranno per questo scopo.

Più di qualcuno ha chiesto cosa può fare. Quello che è stato fatto per il Patronato.

Cioè: A) Chi vuole fare OFFERTE 1. può darle a sacerdoti, suore o altre persone di fiducia 2. può fare un bonifico bancario sul conto corrente della Parrocchia che ha come IBAN IT 02 X 062 2562 5200 7400 0900 56T 3. può utilizzare il Conto corrente postale n.94614716 intestato alla Parrocchia dei SS. Prosdocimo e Donato. Causale: Facciata del Duomo B) PRESTITI. Chi desidera può farli all’Arciprete il quale rilascerà una ricevuta come garanzia di riscossione immediata in qualsiasi momento venga richiesta.

Chi avesse difficoltà a fare offerte cerchi di pensare se può fare un PRESTITO, visti anche i bassi interessi attivi presso le banche. Anche i prestiti ci aiuterebbero molto per non dover aver troppi fronti su cui . . .”combattere”.

Altri ancora hanno sollecitato una raccolta di buste straordinaria da fare nei prossimi mesi. Ci stiamo pensando.

Vorremmo invitare anche i giovani e gli adolescenti (che generalmente non fanno offerte in chiesa) a dare anch’essi il loro contributo, rinunciando a qualcosa di non necessario. Un euro alla settimana sarebbe troppo? Grazie, comunque, a tutti coloro che si mostreranno concretamente sensibili.


Consiglio Affari Economici

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.