Ci metto la faccia, ci metto la testa, ci metto il mio cuore. Parole impegnative che all’inizio di quest’anno abbiamo proposto a genitori e ragazzi di 2^ media per un cammino che, ci si augura, continuerà per tutta la vita. Per 75 ragazzi e ragazze è stato anche un percorso che li ha condotti a ricevere un grande dono: il Sacramento della Confermazione. Abbiamo iniziato interrogandoci sul nostro comportamento quotidiano e ci siamo chiesti se possiamo dirci cristiani e se vogliamo essere tali. Ecco allora il grande tema della FEDE. Che cos’è la FEDE? La prima grande domanda per la quale abbiamo fatto fare ai ragazzi una piccola intervista in casa, per strada, alle persone presenti in Patronato, nel Bar... Tante risposte, alcune impegnative come: La fede non è un sentimento o una emozione, ma un impegno continuo nella ricerca di incontrare Gesù; oppure la fede è credere che Gesù è risorto; altre meno incoraggianti come: non lo so! Risposte che sono state motivo di confronto, nei vari gruppi, e specialmente con la Parola di Dio. Ogni argomento trattato è stato affrontato nella concretezza attraverso attività, video, testimonianze, con il coinvolgimento sia a livello personale dei ragazzi, sia, quando è stato possibile, con le famiglie e, via via, la consegna del CREDO, del PADRE NOSTRO, della CROCE e gli ultimi 3 mesi sono orientati alla preparazione del Sacramento della Cresima, dove il grande protagonista è stato lo Spirito Santo. Tanti momenti vissuti intensamente come: il giorno del ritiro in Patronato, le confessioni, con la sorpresa di scoprire che quasi tutti i ragazzi avevano imparato a memoria la preghiera allo Spirito che, con tanta insistenza, avevamo chiesto loro di recitare ogni giorno.
Il primo maggio è arrivato, il nostro Duomo si è riempito dei ragazzi/e e delle loro famiglie: genitori, padrini, madrine, fratelli, nonni, cugini.
La presenza del nostro Vescovo don Claudio ha reso la giornata ancora più speciale: è stata la sua prima volta a Cittadella per la Cresima. Tutto il Duomo addobbato di fiori rossi, come il fuoco dello Spirito; i cartelloni esposti, fatti durante il ritiro, ci ricordavano i DONI dello Spirito Santo facendo da cornice ai piedi dell’altare; i canti, la processione d’ingresso e poi l’emozione della chiamata, fatta da don Remigio nome per nome: Paolo, Riccardo, Chiara, Elisa, Giovanni ............ e la risposta “ECCOMI”! come per dire “CI SONO”, “CI STO”.
Su questo “eccomi” in buona parte si è soffermato anche don Claudio durante l’omelia. Ci ha coinvolto tutti con semplicità ma con estrema fermezza. Quelll’ “ECCOMI” richiesto ai genitori, la responsabilità della testimonianza alla quale ogni cristiano presente nella vita di questi ragazzi/e è tenuto a dare nel quotidiano. Poi la famiglia che non può esimersi dal grande compito di prima e vera responsabile della formazione cristiana dei propri figli. “Non posso mandare a Messa mio figlio, se io non ci vado; non posso fare scelte di vita che sono opposte agli insegnamenti del Vangelo”. Un richiamo forte alla coerenza e alla responsabilità; non possiamo scaricarci la coscienza dando la colpa ai tempi che sono cambiati, al lavoro che ci stressa, al poco tempo disponibile, ecc….. perché quando vogliamo troviamo il tempo per tutto”. Un’omelia che ha creato un clima di silenzio e di ascolto lasciando un segno in tutti i presenti. Parole, sguardi e brevi silenzi, come di un padre quando parla con amore ai propri figli. Grazie don Claudio! Poi il momento tanto atteso dai ragazzi: IL RITO. Preghiere e canti hanno accompagnato questa celebrazione che ogni ragazzo ha vissuto con trepidazione e anche con un po’ di timore, che però si è subito placato con l’abbraccio paterno e amorevole del Vescovo. Un abbraccio che per tutti è stato motivo di commozione ma anche di augurio, quasi a dire ad ognuno: Tu ci sei, lo Spirito Santo non ti lascerà mai, ma anch’io il tuo Vescovo ti accompagnerò, con la mia preghiera, nella tua crescita spirituale.
Alla fine della celebrazione la raccomandazione di don Claudio ai ragazzi di recitare, ogni giorno, la preghiera allo Spirito Santo che avevano appena pregato assieme: “ Vieni Spirito di sapienza, donaci la luce per scegliere con gioia le vie del Signore......” Cari ragazzi; il primo Maggio è iniziata una nuova tappa della vostra vita. Avete di fronte una strada da percorrere. Noi, vostri Sacerdoti e catechisti continuiamo ad esserci e contiamo sul vostro impegno. Stiamo preparando per voi un percorso interessante, ricco di iniziative e proposte.


VI ASPETTIAMO TUTTI E CI DIAMO APPUNTAMENTO PER I PRIMI DI OTTOBRE.


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.