Prima discepolato. Prima pappa. Consegna del Credo.

Sabato 8 Aprile, alle ore 17, in Duomo, è avvenuta la Consegna del Credo ai genitori e ai bambini del Primo Discepolato- Prima tappa. Di fronte a circa 80 bimbi, di 2^ elementare, Don Remigio ha svolto questo importante Rito, animato da genitori, catechiste e accompagnatori. Mentre l’Assemblea recitava il Simbolo, i bambini ascoltavano in silenzio ai piedi del Presbiterio.

A fine preghiera, i fanciulli hanno raggiunto il posto accanto ai genitori e sono stati proprio questi ultimi a rivolgersi, con dolcezza, ai propri figli e a dire loro, con parole spontanee e semplici, che il Signore sarà sempre luce della loro vita e ad esortarli ad essere saldi nella fede ricevuta.
Poi, i genitori hanno consegnato ai bambini una preziosa pergamena con su scritto il Credo, Simbolo della fede della Chiesa. A celebrazione conclusa, è seguito un momento conviviale, nel cortile della Canonica, per condividere insieme il cammino finora svolto. Genitori, bambini e catechiste, alle 18,30, hanno partecipato alla Santa Messa, davanti ad un altare ornato di cartelloni che rappresentavano le varie parti del Credo, conosciute e sperimentate dai bambini, negli incontri precedenti. All’Offertorio, i fanciulli hanno portato alcuni generi alimentari per la Caritas, in segno di vicinanza e solidarietà con le persone povere della comunità.
È stato un pomeriggio molto speciale, pieno di momenti forti,importanti ed emozionanti che alcuni genitori hanno commentato con delle frasi molto significative: * La consegna del Credo alla nostra bambina è stata per noi genitori un momento molto intenso ed importante, in quanto ci ha permesso di confermare la nostra professione di fede e la fiducia che riponiamo in Dio, donandole una nuova “luce”, quella della nostra bambina che, entusiasta, ha ricevuto questo dono di preghiera. Il Credo, iniziandola alla vita cristiana, l’accompagnerà per sempre offrendole sostegno, forza e insegnamento. (E e A) * La consegna del Credo è stato un momento molto importante per noi genitori e il nostro bambino. È stato emozionante e significativo consegnare la pergamena, simbolo del Credo che professiamo ogni giorno, e che comincia, da adesso, a far parte delle preghiere di nostro figlio, le preghiere che lo fanno cristiano e a sua volta discepolo di Gesù. (F e G) * Ho consegnato la pergamena del Credo alla mia bambina dicendole che noi, in famiglia e nella comunità, crediamo a quello che c’è scritto all’interno e che questo credere ci dà e le darà la forza per continuare a vivere, per affrontare ogni problema e per stare in pace con se stessi. I suoi occhi erano allegri e mi ascoltava con fiducia.
Mi ha ringraziato e mi ha detto che sono cose difficili ma belle. Le abbiamo detto che non è sola in questo cammino, noi siamo e saremo sempre vicini a lei, come lo è sempre Gesù con tutti. (L e G) * È stato un momento bellissimo e di riflessione.
Nel consegnare la preghiera a nostro figlio abbiamo avuto modo di porci anche una grande domanda: “Nella vita di tutti i giorni, in ciò che faccio, vivo e sono, io credo?” La sua gioia e la sua partecipazione ci sprona sempre di più ad essere oltre che genitori, testimoni ed esempio per lui e per tutti. (D e V)


"Per un pugno di dollari"


Cittadella ascolta


17 dicembre 201817 dicembre 2018

I sette peccati capitali della ricchezza

cottarelli

PROF. CARLO COTTARELLI, economista


Venerdì 25 gennaio 2019

La responsabilità delle élites

calenda

Dottor Carlo Calenda già  ministro dello sviluppo economico


Venerdì 1 febbraio 2019

Ricchezza e Disuguaglianza

padovan

PROF. PIER CARLO PADOAN già ministro dell’Economia e delle Finanze.


 Lunedì 4 marzo 2019

Da ricchezza che non sazia

bruni

PROF. LUIGINO BRUNI, Professore Ordinario in Economia Politica al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia, Politica e Lingue Moderne dell’ Università Lumsa di Roma

locandina incontri fidanzati cittadella 2018

Assemblea diocesana 2018 1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.