Quando un anno fa, Don Remigio ci ha chiesto la disponibilità ad accompagnare i nostri bambini come catechiste, ci siamo fatte molte domande: “Cosa dobbiamo fare?”, “Che cosa dobbiamo dire?” ma soprattutto “Saremo capaci?”.
Alla fine, abbiamo deciso di accogliere con entusiasmo questa chiamata, con la convinzione che nella vita nulla succede per caso.
E così abbiamo iniziato questa meravigliosa avventura, con la consapevolezza che i nostri figli sono una parte importante e indispensabile della Comunità.

Si tratta del percorso di Iniziazione Cristiana, dove genitori e bambini sono chiamati a camminare insieme, per scoprire e riscoprire la vita e il messaggio di Gesù.
Compito di noi catechiste e anche mamme, è quello di lasciare che i bambini vadano a Gesù, nel modo più naturale e semplice possibile.
Animate da questo spirito, abbiamo iniziato lo scorso anno il nostro viaggio, durante il quale abbiamo giocato, colorato, pregato, fatto nuove amicizie,… ma soprattutto abbiamo imparato a conoscerci e a vivere in Comunità, in un clima di accoglienza e di accettazione reciproca.
Lo scorso settembre è iniziata la seconda tappa di questo percorso, che ha visto alcuni momenti molto importanti.
Per prima cosa le quattro settimane dell’Avvento, dove i bambini sono stati invitati insieme ai genitori, a pregare ogni giorno davanti al Presepe.
Inoltre, in occasione della seconda domenica di Avvento, tutti i fanciulli del Catechismo hanno partecipato alla Santa Messa in Duomo delle 11.40, durante la quale hanno portato un gesto di carità per la Caritas.
Questo primo periodo ha poi vissuto un momento speciale domenica 14 gennaio, con la consegna del Vangelo ai nostri bambini.
La scelta di vivere questa esperienza durante la messa, assieme ai genitori e all’intera Comunità, ha permesso ai fanciulli di sentirsi maggiormente partecipi, contribuendo alla crescita della loro fede.
Per noi catechiste e mamme, questo incontro ha lasciato nel cuore tanta tenerezza per questi bimbi che si affacciano alla vita e tanta voglia di fare, grazie all’atmosfera creatasi, che ha reso tutto assai coinvolgente.
Significativa l’omelia di Don Luca, durante la quale ha invitato tutti i giovani a chiedere ai propri genitori: “Che cosa cercate?”, come le prime parole che Gesù, nel Vangelo di Giovanni, pronuncia rivolgendosi ai suoi discepoli.
La risposta la troviamo sempre in Gesù che ci dice: “Venite e vedrete”; “Seguimi e troverai ciò che cerchi proprio nel Vangelo, nella mia Parola”.
Questo è stato l’invito dato da Don Luca a noi tutti e alla comunità presente. Ci auguriamo che ognuno di noi trovi ciò che sta cercando, e compito di noi genitori e catechiste è anche quello di sostenere i bambini a fare altrettanto, con speranza e gioia.
Al culmine di questo cammino, verso la fine dell’anno, ci sarà la consegna del Credo, che rappresenterà uno dei momenti più toccanti per la fede dei nostri figli, perché credere significa avere fiducia.
Le catechiste

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.